News dalla formazione professionale
29/01/2015

Garanzia Giovani: dopo le dichiarazioni dell'Assessore Caruso, la UIl Sicilia e la UIl Scuola hanno prontamente reagito con un durissimo comunicato. Riteniamo indispensabile, tuttavia, in questa delicata fase di avvio del programma a bandi pubblicati, un approfondimento con i lavoratori della filiera e pertanto, ci stiamo attivando per organizzare con le altre OO.SS. idonee assemblee.

29/01/2015

Garanzia Giovani: ulteriore presa di posizione della UIL Sicilia - Ex Sportelli, Barone (Uil Sicilia): “Questi lavoratori devono essere garantiti. O Caruso cambia e apre ai sindacati o con la Uil è rottura”. Testo del comunicato stamapa:. “Se l’assessore Caruso non cambia impostazione sul licenziamento dei lavoratori degli ex Sportelli e non convoca le organizzazioni sindacali per spiegare come intende garantire il loro futuro, nessun dialogo sarà più possibile con la Uil Sicilia”.  E’ questa la posizione del segretario generale, Claudio Barone, che ribadisce: “Il Governo Crocetta si era impegnato a non fare macelleria sociale ma già oggi abbiamo migliaia di licenziati della Formazione ai quali vuole aggiungere, fra tre mesi, anche quelli degli ex Sportelli senza offrire nessuna alternativa vera. La tensione sociale è già fortissima e non servono di certo battute di dubbio gusto e il solito scaricabile tra Governo regionale e nazionale. Chiediamo, invece, alla politica l’assunzione di responsabilità sul destino di questa gente e un confronto per individuare soluzioni praticabili al fine di tamponare l’emergenza e riformare l’intero comparto. Tutt’oggi non abbiamo avuto risposte. Il Governo Crocetta deve sapere che di fronte alla disperazione, il sindacato scenderà in piazza con lotte sempre più dure”.

28/01/2015

Comunicato stampa - Ex Sportelli, Barone e Raimondi (Uil Sicilia): “Licenziamenti di massa entro tre mesi. Inaccettabili le dichiarazioni di Caruso”. PALERMO. “Gravissime, e per questo inaccettabili, le dichiarazioni dell’assessore regionale Caruso che ha annunciato altri 1.800 licenziamenti in Sicilia. Sono i lavoratori ex Sportelli che fra tre mesi perderanno il posto. E sempre secondo il Governo regionale, in loro sostituzione si potranno fare nuove assunzioni. Avremo così migliaia di cinquantenni disoccupati, senza alcuna alternativa occupazionale, e nuovi precari destinati a seguire le loro orme, sempre ricattabili da una politica che a parole dice di volere fare le riforme ma in realtà vuole solo continuare ad ampliare il bacino del precariato per il solo consenso elettorale”. Lo dicono Claudio Barone, segretario generale della Uil Sicilia, e Giuseppe Raimondi della Segreteria della Uil Sicilia, che aggiungono: “L’assessore Caruso oggi non ha proposto alcuna soluzione che possa evitare macelleria sociale accoppiata a una nuova ondata di clientelismo. Anzi, sembra quasi ritenere che il problema non riguardi il Governo regionale. Lo dimostra anche la sua battuta di dubbio gusto: “Se lo Stato mette i soldi li assumeremmo anche a vita”.  Non è accettabile - continuano Barone e Raimondi - che di fronte al dramma di migliaia di famiglie ci sia questo atteggiamento irresponsabile e insensibile. La Uil Sicilia chiede da tempo un confronto per individuare soluzioni praticabili per tamponare l’emergenza e rilanciare l’intero comparto (Formazione, Sportelli e Istruzione). Ma tutt’oggi non abbiamo avuto risposte. Il Governo Crocetta deve sapere che di fronte alla disperazione della gente, il sindacato scenderà in piazza con lotte sempre più dure

28/01/2015

GARANZIA GIOVANI – Piano di attuazione regionale 2014/2015: dopo il bando della misura Servizio Civile (scheda n. 6) parte anche la misura Formazione (scheda 2-B) “reinserimento di giovani 15 – 18enni in percorsi formativi. Il DDG. 291 del 26 gennaio 2015 è stato pubblicato con l’allegato Avviso pubblico sul sito ufficiale del Dipartimento Regionale Istruzione e Formazione il 26 gennaio 2015. Gli organismi che vorranno presentare le istanze di finanziamento dovranno farlo entro il 10° giorno dalla data di pubblicazione sul sito ufficiale del Dipartimento. (scarica DDG e avviso allegato)

26/01/2015

Vertenza Formazione Professionale - Comunicato stampa - Nessuna riforma ma solo licenziamenti collettivi nel settore della Formazione professionale siciliana. Per questo siamo pronti a riprendere la protesta. Daremo voce alla disperazione dei lavoratori, da mesi senza stipendio e senza occupazione. Questa famiglie  hanno bisogno di risposte immediate e concrete o altrimenti a Giugno sarà la morte completa del settore e di oltre ottomila operatori”. Lo dice Giuseppe Raimondi, della segreteria della Uil Sicilia, che insieme a Cgil e Cisl, ha chiesto già un incontro al Presidente Crocetta e agli assessori Lo Bello e Caruso. E Raimondi continua: “Manca ancora una programmazione per la futura attività formativa e dal Governo nazionale arrivano solo tagli agli ammortizzatori sociali. A pagare il conto saranno come sempre le fasce più deboli. Per questo chiediamo alla Regione un cambio di rotta. E’ necessario subito un confronto con le organizzazioni sindacali per rilanciare il settore e dare certezze a questi lavoratori. Intanto la prossima settimana la Corte europea dovrebbe esprimersi sull’ammissibilità del ricorso della Uil Scuola in merito all’esclusione degli enti dai benefici della cassa integrazione in deroga. Infine - conclude Raimondi - anche i nostri iscritti potranno partecipare allo sciopero del settore indetto il prossimo 30 Gennaio”.

19/01/2015

Progetto Prometeo: il pronunciamento del CGA, che costituisce un precedente preoccupante non depone a favore della scelta a suo tempo compiuta dall'Assessore Scilabra. Tuttavia l'amministrazione regionale, al momento, ha solo l'obbligo di riesaminare la posizione dell'ente TED INFORMATICA e dare una risposta. Non vogliamo sottovalutare la portata del pronunciamento ma neanche avvalorare gli allarmismi che si sono creati.

16/01/2015

Bilancio 2015: pubblicata nella GURS n. 3 - Supplemento Ordinario A1 - del 16/01/2015 la legge 13 gennaio 2015 n. 3 che autorizza l'esercizio provvisorio del bilancio della Regione per l'anno 2015. Da lunedì quindi i provvedimenti di spesa posso riprendere il loro percorso amministrativo.

16/01/2015

CIGD 2014 - D.D.S. n. 7724 del 22/12/2014: riceviamo da numerosi lavoratori richieste di chiarimento in merito ai meccanismi di erogazione delle risorse di cui al "Fondo di Garanzia " istituito ai sensi dell'art. 132 della l.r. 4/2003 e successive modifiche ed integrazioni ( l.r. 10/2011) con particolare riferimento all'integrazione dell'indennita di cassa integrazione in deroga che sara' erogata dall'INPS per l'anno 2014 agli aventi diritto. Con decreto n. 7724 del 22/12/2014 il competente Servizio Gestione del Dipartimento ha impegnato la somma di 4 meuro a valere del capitolo 318110. Da una attenta lettura del provvedimento emerge chiaramente che alla data di sottoscrizione del decreto, non era possibile avere notizie certe, attuali e utilizzabili sulla platea dei beneficiari del sostegno al reddito e pertanto, e' certo che sia i nominativi degli aventi diritto inseriti nell'allegato al DDS sia gli importi spettanti non possono essere considerati attendibili. Lo stesso Dirigente del Servizio rimandata all'elenco in possesso dell'INPS sia l'individuazione esatta della platea dei beneficiari sia le erogazioni corripsondenti per l'anno 2014. Solo dopo avere acquisito l'elenco e le erogazioni effettuate dall'INPS il Dipartimento potra' adottare decreti di liquidazione e emettere mandati collettivi con l'integrazione lavoratore per lavoratore con le priorita' fissate dalla l.r. 10/2011. Quindi, quando l'INPS pagherà la CIGD 2014 conosceremo gli aventi diritto e le quote che l'amministrazione dovra' integrare sino al concorrimento dell'80% e/o della percentuale spettante a ciascun lavoratore.

15/01/2015

Vertenza FP. - comparto in ginocchio: FLC CGIL CISL Scuola e UIL Scuola chiedono un incontro al Presidente della Regione e ai due Assessori Lo Bello e Caruso ed allegano un promemoria sui temi più urgenti da affrontare per le tre filiere. Ammortizzatori sociali (cassa integrazione e mobilità in deroga), tutela dei lavoratori rimasti senza incarico a seguito di revoca dell’accreditamento agli enti datori di lavoro, programmazione annuale o pluriennale degli interventi formativi (OIF e Interventi), riforma dei servizi per il lavoro e individuazione della platea dei lavoratori che saranno impiegati nella varie misure del programma Garanzia Giovani. Per questo ultimo punto la UIL è impegnata a sostenere l’iniziativa dei lavoratori, che hanno sostenuto la selezione, che sono stati dichiarati idonei e che non sono stati ancora assunti nonostante la disponibilità dei posti messi a concorso. (lettera richiesta e promemoria).

10/01/2015

Accordo aziendale ENFAP Sicilia – Aspettativa e ASpI: occorre approfondire le posizioni contributive individuali per poter contare con certezza sulle 52 settimane lavorate utili per la concessione della ASpI. (scarica nota)

07/01/2015

CIOFS Sicilia - GRAVISSIMO IL PROVVEDIMENTO ADOTTATO DALL'ENTE che ha licenziato una lavoratrice mentre tratta con le OO.SS... - CGIL CISL e UIL Scuola contestano aspramente l'atto e non incontreranno l'ente previsto per oggi pomeriggio sino a quando non revoca il licenziamento comminato in spregio alle vigente normativa.

05/01/2015

Garanzia Giovani: giorno 7 gennaio 2015 il Ciapi di Priolo pubblichera' sul proprio sito le convocazioni per la firma del contratti e dettagliera' turni ed orari. Il Ciapi ritiene che per un più agevole controllo del processo le operazioni dovranno svolgersi nelle giornate 8 e 9 gennaio p.v. presso la sede di Priolo.

05/01/2015

Comunicato agli iscritti: stamattina presso la Segreteria Regionale della UIL Scuola e' stato fatto il punto della situazione sia sul settore della formazione professionale sia sulle principali vertenze ancora aperte anche in vista degli imminenti incontri con gli Enti religiosi sul cosiddetto contratto di prossimita'. La UIL Scuola ritiene che Il Governo Regionale e l'Assessorato alla formazione non possono lasciare solo alle parti contrattuali il gravoso compito di colmare con accordi aziendali i pesanti ritardi dell'amministrazione regionale sulla programmazione dei nuovi e la rendicontazione dei vecchi interventi di istruzione e formazione.

02/01/2015

ENFAP SICILIA ED ECAP PALERMO – ASPETTATIVA E POSTICIPAZIONE DEL LICENZIAMENTO: facciamo seguito alla news del 29/12/2014 e diamo comunicazione che la Uil Scuola, nell’ambito dell’accordo di sistema dell’11 dicembre 2014 firmato a Catania concernente Garanzia Giovani, ha definito e firmato data 31 dicembre 2014, una intesa con due degli enti che avevano avviato le procedure per il licenziamento collettivo e inviato il preavviso di licenziamento ai lavoratori. Premettiamo che l’accordo NON OBBLIGA I LAVORATORI AD ADERIRVI ma fornisce la possibilità a CHI VOLESSE FARLO (e soprattutto a chi è in condizioni di poterlo fare) di aspettare la conclusione della trattativa in corso con l’amministrazione regionale in merito alle soluzioni di ricollocazione da dipendente anziché da licenziato. La UIL Scuola senza un riferimento esplicito al contenuto dell’art. 57 del CCNL vigente (fruizione o pagamento del periodo di preavviso) e alla possibilità di estendere la precedenza nell’assunzione (legge 29 aprile 1949 n. 264 e smi) anche ai lavoratori che non aderiranno all’accordo, non avrebbe firmato l’accordo. Le adesioni sono raccolte a cura delle RSA, in mancanza dalle Segreterie Provinciali della Uil Scuola. Si segnala che il periodo dell’aspettativa (richiesto e concesso), qualora dovesse costituire impedimento per la fruizione del nuovo trattamento di disoccupazione (NASpi) attualmente in fase di valutazione dalle competenti Commissioni Parlamentari Nazionali, e/o costituire motivo di perdita dei nuovi requisiti di accesso agli ammortizzatori sociali, potrà essere interrotto e/o revocato in qualunque momento e per qualsivoglia ragione. Ribadiamo che la scelta di chiedere l’aspettativa oltre il termine di preavviso è libera e individuale e che la scelta è legata a diversi fattori (la cui valutazione è strettamente personale) come già comunicato con la news del 29 dicembre u.s.. L’alternativa all’adesione, in ogni caso è il licenziamento, procedura che si è conclusa per legge senza accordo con le OO.SS. sia in sede aziendale sia in sede pubblica nel luglio 2014.(scarica accordo e nota esplicativa con i modelli di richiesta aspettativa)

30/12/2014

Lavoratori CEFOP – istruttoria patronato: i nostri uffici di patronato hanno completato l’istruttoria per la compilazione dei modelli INPS n. SR53 e SR50. I lavoratori interessati saranno convocati a far data 07/01/2015 alla riapertura degli uffici.